Edicola

Piatti sani, nutrienti e poco costosi per mantenersi in “salute” senza rinunciare al gusto e per istruire i cittadini alla cultura della prevenzione. Si tratta di “Territorio, sapori e salute”, il libro di cucina realizzato dalla Simpesv-Fimmg con la collaborazione di docenti e studenti di tre Istituti alberghieri.

30 OTT - Sapevate che la cicoria selvatica (o tarassaco) favorisce lo sviluppo di flora batterica positiva del colon (Lactobacillus e Bifidus) regolarizzando il funzionamento intestinale e che, come vuole la tradizione contadina, stimola la produzione di latte materno? E che le alici, ricche di omega 3, sono perfette per un’alimentazione controllata ideale a prevenire le malattie cardiovascolari; e non solo, avendo anche un buon contenuto di proteine a elevato valore biologico e di ferro, sono ideali durante la crescita e la gravidanza? E ancora, che gli orapi o spinaci di montagna, erbe spontanee del Parco nazionale d’Abruzzo, sono indicati per chi soffre di stipsi e per gli anemici, ma se usati in eccesso sono controindicati per chi soffre di calcolosi renale? E che i fichi d’India, eccellenti quelli dell’Isola di Ponza, sono ricchi di vitamine del gruppo B e di antiossidanti con un’attività antinfiammatoria e riducente molto elevata?

Alimenti, utilizzati spesso in antiche ricette, che rispondono ai principi della dieta mediterranea e, più in generale, a quelli di un’alimentazione corretta che ci ha resi famosi nel mondo. Un tesoro, il patrimonio culinario italiano legato al territorio, da recuperare e coniugare alle nuove esigenze della popolazione che vede crescere, insieme alla speranza di vita, anche la spesa sanitaria, ormai a rischio di insostenibilità.

A mettere tutto questo nero su bianco, ci hanno pensato i medici di famiglia della Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita (SIMPeSV), nata nel seno della FIMMG, la Federazione nazionale dei medici di medicina generale. In un volume “Territorio, sapori e salute”, presentato oggi a Roma nel corso di una conferenza stampa presso la Residenza di Ripetta, hanno selezionato una raccolta speciale di ricette della tradizione nazionale, gustose, nutrienti ed anche poco costose, per invitare gli italiani a prendersi cura della propria salute a cominciare dalla scelta del cibo. Un libro che i medici di medicina generale mettono a disposizione dei cittadini per riscoprire le eccellenze del territorio, sapori antichi e uno stile di vita orientato alla prevenzione “che non passa unicamente attraverso formule dietetiche algide”.

Per farlo si sono avvalsi della collaborazione non solo di esperti, tra cui alcuni Docenti degli Istituti Alberghieri (Ipssar), le istituzioni più qualificate e più diffuse sul territorio nazionale, ma in particolare dei futuri professionisti della ristorazione, cioè i ragazzi degli Istituti stessi. Hanno collaborato alla stesura del volume gli Istituti Alberghieri: “Pellegrino Artusi” di Chianciano, “Angelo Celletti” di Formia e “Filippo De Cecco” di Pescara.

All’interno del volume di ricette figurano tabelle nutrizionali e curiosità, ma anche memo sulle stagioni ideali per reperire gli ingredienti più freschi e consigli appassionati sulla scelta del vino. Ad esempio, un calice di un rosso rubino intenso per accompagnare una pizza e minestra “mbaniccia o pizz’e ffojie”, l’antica ricetta pescarese consigliata per affrontare le giornate più fredde dell’inverno.

Ricette che i medici di famiglia, sottolinea Giacomo Milillo, Segretario nazionale generale FIMMG, hanno voluto mettere a disposizione dei cittadini per riscoprire le eccellenze del territorio, sapori antichi e uno stile di vita orientato alla prevenzione “che non passa unicamente attraverso formule dietetiche rigide". "Lavoriamo per portare a tavola la salute – ha aggiunto Silvestro Scotti, vice presidente generale nazionale della Fimmg – perchè la prevenzione parte dal controllo sugli stili di vita e la Fimmg ha già avviato un percorso all'interno del quale si inserisce il libro. Se dal mio studio oltre alle ricette dei farmaci escono anche ricette culinarie è un bene perchè ci da la possibilità di interventire su corretti stili di vita del paziente".

“Il nostro obiettivo – spiega Walter Marrocco, Presidente SIMPeSV – è stato quello di coniugare una corretta alimentazione per il perseguimento di un miglior stato di salute, con la sempre più crescente curiosità verso la buona cucina, di cui certo l’Italia non difetta. Per questo abbiamo pensato di raccogliere una selezione di piatti della tradizione nazionale che, con un forte richiamo ai principi della dieta mediterranea, fossero in grado di dare risposte a queste esigenze. Accanto a ciascuna ricetta – aggiunge Marrocco – abbiamo quindi sviluppato un’analisi energetica e nutrizionale basata su banche dati accreditate che consente di valutarne l’uso appropriato per le diverse esigenze, fisiologiche e patologiche. Vogliamo invitare le persone a mangiar bene con gusto, senza tralasciare l’attenzione all’equilibrio negli alimenti che introduciamo nel nostro organismo”.

“Il libro ‘Territori, sapori e salute’, frutto del lavoro della SIMPeSV e della collaborazione con alcuni Istituti Alberghieri, coniuga le caratteristiche strettamente alimentari-nutrizionali dei piatti con gli altri elementi che rappresentano il modello Mediteranneo”, sottolinea Lorenzo M. Donini, Professore associato di Scienza dell'Alimentazione dell’Università La Sapienza di Roma.

“In quest’area del mondo – continua l’esperto – l’alimentazione non si identifica unicamente con il semplice atto di introdurre energia e nutrienti attraverso gli alimenti, ma rappresenta un vero e proprio stile di vita che abbraccia anche aspetti storico-culturali, ambientali e di convivenza. È un complesso di tradizioni alimentari, conoscenze e tecniche artigianali, rappresentazioni e paesaggi – conclude Donini – che i popoli che si affacciano sul bacino del Mar Mediterraneo, e fra questi l’Italia, riconoscono come parte integrante del loro patrimonio culturale. Tutto questo traspare dal volume, a dimostrazione di un’opera intelligente e di piacevole lettura”.
 
Il libro è consultabile on line all'indirizzo www.alimentazione.fimmg.org e sulla pagina facebook "Alimentazione e stili di vita Simpesv". Verrà inoltre  distribuito negli studi dei medici di famiglia delle provincie dei tre Istituti alberghieri.

"Lavorare con voi è stata un'esperienza coinvolgente ed emozionante, che mi ha aperto un mondo di cui solo sospettavo l'esistenza. Esistono dunque ancora valori quali la solidarietà ed il rispetto umano !"

Testimonianza di un volontario LILT

Social LILT

Ti informiamo che questo sito utilizza dei cookies necessari al suo corretto funzionamento.  Con riferimento al provvedimento "Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie – 8 maggio 2014" (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014), si descrivono in maniera specifica e analitica le caratteristiche e le finalità dei cookie installati su questo sito indicando anche le modalità per selezionare/deselezionare i singoli cookie.